Il tuo browser non supporta JavaScript!

Chi nasce quadro può morire tondo

Chi nasce quadro può morire tondo
titolo Chi nasce quadro può morire tondo
sottotitolo (e l'avvocato Mignoni Arduini si trovò tra un Puma e una Tigre)
Autore
Collana Versus, 1
Editore Novecento Editore
Formato Libro
Pagine 200
Pubblicazione 10/2013
ISBN 9788895411507
 
14,00
 
Disponibilità immediata

In pillole

«La verità era che non c’era nessun gatto e nessuna gattara. Nessun polacco, e nemmeno un gatto polacco. Nessun autista aveva avuto nessun malore. Non c’era nessuna vecchia che stava male. Nessuno era ubriaco. Nessun gatto aveva bevuto».
Quando l’avvocato Ernesto Mignoni Arduini sale all’Aventino per una serata che si annuncia noiosa, tra nobili decaduti e professionisti frolli, non ha idea che di lì a poco il tappo della bottiglia che porta in dono verrà usato per un tentato omicidio. Non ha neppure idea di chi sia er Puma, già professore di semiologia e estetica all’università di Bologna e oggi sommelier, che verrà ucciso il giorno dopo. Conosce solo, biblicamente, la Tigre der Bengala, prostituta trasteverina di folgorante bellezza. Il problema di Mignoni Arduini, più che altro, è che in meno di ventiquattr’ore uno zoo di personaggi matti e indiavolati entra nella sua vita e la stravolge. Mentre lui, particolare non da poco, viene considerato il mandante dei delitti e deve scagionarsi. Il che gli varrà una discesa agli inferi. Letteralmente. Dall’attico con terrazza ai Parioli alle antiche grotte nel sottosuolo di Roma. Un romanzo dal ritmo serrato e dalla
sorprendente ironia, che ha il coraggio di essere fi nalmente e del tutto un bel romanzo italiano. Sarebbe piaciuto a Carlo Emilio Gadda per come sa restituirci una Roma verace. E
poi perché contiene una tenera storia d’amore. Ad alta gradazione etilica.
 

Biografia dell'autore

Bruno Capponi

Bruno Capponi è professore ordinario di Diritto processuale civile del Dipartimento di Giurisprudenza della LUISS Guido Carli. Con Novecento Editore ha pubblicato Chi nasce quadro può morire tondo (2013), Il concorso (2014) e Salviamo la giustizia civile (2015). Con la ESI ha pubblicato la raccolta di racconti Incubi da giorni qualunque (2016). Esercita a Roma la professione di avvocato civilista.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento